Rimini. Riaprono i mercati alimentari Gli ambulanti: «Siamo allo stremo»

Riaprono i mercati alimentari Gli ambulanti: «Siamo allo stremo»

L’appello del presidente provinciale: «Fateci lavorare, abbiamo pronto un piano per la sicurezza» L’assessore Sadegholvaad: «Serve un progetto per la gestione delle bancarelle nell’area ex Padane»

MARIO GRADARA. «Ora che l’ordinanza della Regione lo permette, con accessi limitati, abbiamo chiesto a tutti i comuni della provincia di riaprire i mercati ambulanti per i soli banchi alimentari. Sinora c’è il via libera da Bellaria, partito in quarta. Siamo in attesa di Rimini, dopo aver presentato il progetto per l’accesso in sicurezza nell’area ex Padane». Parla Nicola Angelini, responsabile provinciale degli ambulanti Fiva Confcommercio, che ha promosso la ‘causa’ insieme a Confesercenti. «Mentre la spesa agli iper fa il botto, con aumenti in doppia e tripla cifra, noi ambulanti siamo allo stremo. Tanti tiravano avanti con gli incassi di ogni giornata, coi quali comprare nuova merce. Tutto perduto. Abbiamo fatto domanda per il bonus da 600 euro del governo. Su dieci del consiglio direttivo, l’hanno avuto sinora solo quattro. Le perdite complessive per i nostri ambulanti sono di vari milioni di euro. Specie nei settori calzature e abbigliamento, ci sono colleghi che hanno acquistato la mercanzia primaverile, i banchi più grandi anche per centinaia di migliaia di euro, rimasta invenduta nei magazzini. O nei furgoni stipati. E ora non ci sono soldi per acquistare quella estiva, nella speranza di riaprire tutto. Un dramma». (…)

Tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy