San Marino, Repubblica Futura al Segretario Tonnini

Non si ferma il botta e risposta tra Repubblica Futura e il Segretario agli Interni, Elena Tonnini

Non vogliamo entrare nel merito delle accuse di Rete e del Segretario agli Interni Elena Tonnini, perché ne comprendiamo lo stato d’animo.
Entrambi, in ruoli diversi, sono alle prese con un difficilmente spiegabile clamoroso dietrofront rispetto a tutte le posizioni prese in passato, in primis quella a sostegno dei redditi dei lavoratori, da sempre battaglia di Rete (nella versione pre Governo, almeno).

Quindi comprendiamo le difficoltà di spiegare perché oggi che hanno obbligato i lavoratori dipendenti privati e pubblici a stare a casa col 30% della retribuzione e gli insegnanti a lavorare (sottolineiamo questa parola) prendendo il 60% di quanto gli spetta, in barba a qualsiasi contratto di lavoro. Al di la di tante parole, non un chiarimento su questo.

La nostra proposta era di una semplicità incredibile: evitare tagli così ingenti ai redditi dei lavoratori obbligati a stare a casa, per mantenerne la capacità di spesa e di consumo (indispensabili per pensare ad una ripresa economica), portando al 75% gli importi di Cassa Integrazione (per i dipendenti privati) e retribuzione ridotta (per dipendenti Pa). 
E garantire il proprio reddito a chi sta lavorando, come gli insegnanti (come per tutti quelli che stanno facendo Smart working).

 

Leggi il comunicato integrale di Repubblica Futura

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy