Rimini. Chiesta la riapertura delle discoteche a luglio

L’appello del mondo della notte: “Discoteche aperte a luglio. Siamo pronti a ripartire”

MARIO GRADARA – “Chiediamo di poter aprire discoteche e locali da ballo entro luglio, senza piste per garantire il distanziamento, potenziando l’offerta ristorativa che già molti offrono e potenziando spettacoli e intrattenimento, con ingressi contingentati e controlli puntuali sulla sicurezza. Il rischio, se no, è che dilaghino i locali abusivi e le situazioni ad alto rischio per i ragazzi”. La richiesta viene da Gianni Indino, presidente provinciale e regionale del Silb, Sindacato italiano locali da ballo. Sul piatto “Disco Inferno”: 45 locali del Riminese chiusi, e senza prospettive. Senza pista da ballo un dancing o una disco non viene meno alla propria mission? “In effetti, purtroppo, è così. La natura dei nostri locali è quella di favorire gli incontri, ridurre le distanze. Si tratta di uno snaturamento, che ci auguriamo duri meno tempo possibile. Ma è il male minore”. Situazione complicata? “Drammatica. Su di noi è calato il sipario il 23 febbraio, non si sa quando si riapre, né se saremo messi in condizione di farlo. Ma lo chiediamo con forza”. Altrimenti? “Il rischio molto concreto è che, nel caso di riapertura a settembre, il 20 per cento dei locali non riapra affatto. Numero che salirebbe al 70 per cento in caso di riapertura nel 2021”. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy