San Marino. Covid-19, lavoro e gravidanza: le domande più frequenti

Le indicazioni della Segreteria di Stato agli Affari Interni in merito a lavoro, maternità e le novità legate al Covid-19

ASTENSIONE DAL LAVORO PER EMERGENZA COVID-19
L’astensione dal lavoro per maternità anticipata derivante da emergenza Covid-19 non è obbligatoria, è una scelta (fatto salvo il parere del medico curante che può eventualmente prescrivere la maternità anticipata in base alle condizioni di salute dell’assistita).
Chi sceglie di continuare a lavorare percepisce il suo stipendio normalmente.
Chi sceglie di accedere alla maternità anticipata, non può lavorare in nessun caso: non si può recare sul posto di lavoro, non può lavorare in smart working né via telematica.

È obbligatorio andare in maternità anticipata per emergenza Covid-19?
Non è obbligatorio, la lavoratrice può scegliere se farne richiesta o no. È obbligatorio invece per il datore di lavoro permettere alla dipendente di assentarsi dal lavoro qualora faccia richiesta di maternità anticipata.

Cosa cambia rispetto alla situazione pre Covid-19?
Che limitatamente al periodo stabilito dalle norme per fare fronte all’emergenza Covid-19 la lavoratrice può andare in maternità anticipata anche se è in buone condizioni di salute.

Perché è stato ampliato così tanto lo strumento della maternità anticipata?
Per tutelare le donne in gravidanza dai rischi di contagio da Covid-19 sul luogo di lavoro.

CHI VUOLE ACCEDERE ALLA MATERNITÀ ANTICIPATA
– Deve farne richiesta inviando l’attestazione medica via email a certificati.malattia@iss.sm
– Nel momento in cui la lavoratrice fa richiesta di maternità anticipata sussiste l’obbligo, per il datore di lavoro, di concederla 
– L’indennità economica corrisposta è pari 100% della retribuzione (o del reddito di riferimento per i liberi professionisti o titolari di licenza) 
– Può richiedere la maternità anticipata anche la lavoratrice che è stata messa in Cassa Integrazione Guadagni (settore privato) o sottoposta a trattamento retributivo ridotto (settore pubblico)
– Deve astenersi dal lavoro, non può recarsi fisicamente sul luogo di lavoro né lavorare in smart working né in via telematica.

CHI VUOLE CONTINUARE A LAVORARE
– Non fa richiesta di maternità anticipata
– Percepisce la retribuzione prevista dal proprio contratto di lavoro
– Nel caso di malattia comune alla lavoratrice sono applicate le aliquote previste per la malattia comune (60% per i primi quattordici giorni e 86% i giorni successivi).

Sono a casa in maternità anticipata perché ho fatto regolare richiesta e nel frattempo mi ammalo (malattia comune), come mi comporto?
Non devi fare nulla perché già percepisci il 100% di indennità.

Ho fatto richiesta per la maternità anticipata ma ora ho cambiato idea, posso ritirare la mia richiesta e tornare a lavorare?
Sì, se il tuo posto di lavoro è sicuro e non a rischio contagio (sei in ufficio da sola, non hai contatti col pubblico ecc) basta che comunichi all’email certificati.malattia@iss.sm la revoca della richiesta di maternità anticipata indicando la data di ripresa del lavoro.

Se mentre sono in maternità anticipata viene dichiarata la fine dell’emergenza Covid-19, cosa succede?
Devi riprendere la regolare attività lavorativa fino a quando non decorre il periodo di astensione obbligatoria per maternità.

FOCUS INSEGNANTI

1) Sono un’insegnante in stato di gravidanza, sono in buona salute e vorrei continuare lo smart working con la mia classe.
Se vuoi continuare a lavorare da casa, non fai richiesta di astensione per maternità anticipata e continui a percepire lo stipendio previsto per legge.
2) Se sto lavorando da casa e nel frattempo mi ammalo di malattia comune, come mi comporto?
In questo caso si applicano le aliquote previste per la malattia comune (60% per i primi quattordici giorni e 86% i giorni successivi).
3) Perché non posso continuare a lavorare da casa e percepire la maternità al 100%?
Perché si creerebbero disparità tra l’insegnante in stato di gravidanza che lavora da casa e percepisce il 100% e gli altri insegnanti che per la medesima prestazione percepiscono il 70%. La maternità anticipata presuppone un’astensione totale dal lavoro (privato e pubblico).
4) Se invece volessi accedere alla maternità anticipata?
Se vuoi accedere alla maternità anticipata devi inviare l’attestazione medica via email certificati.malattia@iss.sm . Da quel momento in poi non è più permesso lavorare neppure in modalità smart working o telematica.

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy