Rimini. Arrestato dalla Polizia uno spacciatore ucraino

Arrestato dalla Squadra Mobile uno spacciatore dopo un inseguimento a Rimini.

Ne dà notizia la Questura di Rimini, spiegando in una nota che di recente gli agenti della Polizia di Stato “hanno tratto in arresto in flagranza un 24enne ucraino, residente nella città romagnola, per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio“.

Nel corso di uno specifico servizio di prevenzione e repressione del fenomeno, i poliziotti della Squadra Mobile “hanno concentrato la loro attenzione su questo soggetto che, dalle notizie acquisite e dagli approfondimenti effettuati, sembrava potesse detenere un’ingente quantità di stupefacente all’interno di un garage nella sua disponibilità“.

Nella mattinata di domenica scorsa, quindi, i poliziotti della Sezione Antidroga “hanno pedinato il ragazzo e, dopo averlo visto uscire dal portone di un condominio della zona di San Giuliano con al seguito un trolley, ritenendo che potesse trasportare dello stupefacente, hanno deciso di procedere al controllo”. Vistosi braccato, il giovane “è fuggito immediatamente e, dopo un breve inseguimento e al fine di farlo desistere dal suo intento, uno degli agenti ha esploso un colpo in aria a scopo intimidatorio“. Il ragazzo “si è dunque fermato e, una volta bloccato, all’interno del trolley sono stati rinvenuti 10,68 g di hashish, un bilancino e una bilancia digitale di precisione, numerosi sacchetti di cellophane per alimenti e una macchina sottovuoto portatile“.

La successiva perquisizione effettuata nel suo domicilio “ha consentito di rinvenire e sequestrare 2.600 euro in contanti e un telecomando di apertura di un cancello“.

Dopo accurate ricerche, “è stato individuato un garage al quale gli agenti hanno fatto accesso proprio grazie al telecomando rinvenuto nel corso della perquisizione”. Al suo interno, “sono stati rinvenuti 94 g. di marijuana e 28 buste di plastica con residui di stupefacente dalla capienza di 1 kg. circa“.

Condotto in Questura, su disposizione del Pubblico Ministero di turno, il 24enne ucraino “è stato tradotto in carcere in attesa dell’udienza di convalida tenutasi l’altro ieri, all’esito della quale è stata applicata a suo carico la misura cautelare degli arresti domiciliari“. 

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy