Rimini. Denuncia il titolare che lo paga in nero ma lui incassa il reddito di cittadinanza

Denuncia il titolare che lo paga in nero ma lui incassa il reddito di cittadinanza

L’autogol di un manovale, scovata una intera famiglia “assistita” dallo Stato impiegata irregolarmente

Si presenta in caserma per “denunciare” il titolare di un cantiere che lo fa lavorare in nero, ma finisce a sua volta nei guai perché allo stesso tempo non ha mai smesso di percepire il reddito di cittadinanza. La guardia di finanza di Rimini, impegnata nella lotta al sommerso e allo spreco di denaro pubblico: ha scovato otto lavoratori completamente irregolari, tre dei quali continuavano a incassare il “sussidio” mensile. Sotto la lente dei controlli dei militari delle fiamme gialle sono finiti due cameriere ai piani trovate a lavorare in un albergo tre stelle di Rimini, tre addetti al servizio in un locale d’intrattenimento situato a Misano Adriatico alle “dipendenze” di una cooperativa e tre manovali impiegati in un cantiere edile a Rimini. (…)

Tratto dal Corriere Romagna

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy