Rimini. Moria di pesci nel Marecchia, la Forestale indaga

Il Marecchia diventa il cimitero dei pesci

Decine di carcasse sono affiorate ieri mattina nel tratto che passa sotto il ponte di legno: indagano i carabinieri della Forestale

Una strage di pesci nel Marecchia come non se ne vedeva da un pezzo, ma le cui cause restano ancora un mistero. La scoperta è stata fatta ieri mattina, sotto il ponte di legno o ponte degli scout. L’allarme ai carabinieri è arrivato ieri mattina, verso le 10, da parte di alcuni cittadini che passavano da quelli parti e che hanno visto affiorare dall’acqua decine di carcasse di pesci. I militari hanno subito girato la notizia ai colleghi della Forestale che sono arrivati subito sul posto, seguiti poco dopo dai servizi veterinari e dall’Arpae. La maggior parte dei pesci morti erano carpe insieme ad altri di acqua dolce, ma non c’era nessuna traccia che potesse indicare cosa era stato a ucciderli. Odori particolari nell’aria non se ne sentivano, nè che provenissero dal fiume. Ma le carcasse erano troppe per non pensare che fosse intervenuto un “agente esterno”. I veterinari dell’Ausl hanno quindi prelevato alcune carcasse per analizzarle in laboratorio e stabilire le cause esatte della moria, mentre gli operatori dell’Arpae hanno effettuato i prelievi delle acque, per verificare l’eventuale presenza di sostanze tossiche. I carabinieri della Forestale hanno invece effettuato ulteriori sopralluoghi nella zona e sentito alcuni testimoni, nella speranza che qualche residente potesse avere visto qualcosa o qualcuno, e di poter trovare una traccia da poter seguire e arrivare così al ‘colpevole’ d quella moria. Ma fino ad ora non è emerso nulla. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy