Rimini. Adescato dal pedofilo entrato nel videogame

Adescato dal pedofilo entrato nel videogame

Vittima un riminese di 9 anni convinto di chattare con una coetanea Il pervertito aveva inviato una foto, ma era quella di una bimba morta

Per adescare le sue prede, il pedofilo è entrato in uno dei videogiochi più frequentati dai ragazzini, usando il nome di una bimba morta. Nella sua rete è finito un riminese di 9 anni che credendo di avere a che fare con una coetanea ha dato al ‘mostro’ quello che voleva. E’ stata la madre a scoprire tutto, e questa mattina, accompagnata dall’avvocato Massimiliano Orrù, presenterà una denuncia in Procura. Toccherà agli investigatori tentare di svelare il vero volto del predatore. Il videogame è ‘Fortnite’, dove si gioca insieme a tantissime persone sparse in tutto il mondo. I giocatori possono interagire tra loro, parlarsi e scambiarsi messaggi sulle chat. Ed è nel maggio scorso che il piccolo riminese ‘incontra’ Alessia. Una bambina accattivante e simpatica che alla fine lo convince a scambiarsi i numeri di telefono. Ma, suggerisce al bambino, non deve memorizzare il suo con il nome vero, ma deve usare quello di una sua compagna di scuola. Scaltro e subdolo, il predatore sa come mettersi al sicuro (…)

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy