Rimini. Finisce ai domiciliari il rapinatore seriale di Rolex

Il rapinatore dei Rolex ammette e chiede scusa: va subito ai domiciliari

ANDREA ROSSINI – “Sono un pizzaiolo, ma il lavoro va male, e soprattutto ho un grave problema di dipendenza dalla cocaina: è questo che mi ha spinto a fare le rapine a persone con il Rolex al polso. Mi scuso con tutti”. Luigi Capuano, il napoletano di trentadue anni, arrestato dai Carabinieri del Nucleo operativo di Riccione subito dopo la doppia aggressione, nel giro di due giorni, ai danni di una coppia di Riccione e di una turista umbra, ha confessato davanti al giudice nel corso dell’interrogatorio di convalida. Le ammissioni gli sono valse la benevolenza del Gip del Tribunale di Rimini, Lucio Ardigò, che ha disposto nei confronti dell’uomo – difeso dagli avvocati Giuliano Renzi e Gianluca Malavasi – gli arresti domiciliari a Napoli nell’abitazione della moglie. Confermata l’accusa per la doppia rapina pluriaggravata a mano armata, i Carabinieri di Riccione continuano a indagare per fare luce su altri aspetti ancora poco chiari legati alla presenza del campano in Romagna. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy