Rimini. «Misureremo la febbre a ogni bambino»

«Misureremo la febbre a ogni bambino»

Gli alunni di nidi e materne comunali saranno sottoposti ogni giorno al termoscanner. L’assessore: «Lo facciamo per la loro sicurezza»

Cartelli all’ingresso, a terra, sui muri per indicare i percorsi obbligati. Maestre ‘bardate’ come infermiere per misurare la temperatura ai bambini ogni giorno con i termoscanner. Il giorno della prima campanella si avvicina, e a Rimini gli alunni di nidi e materne comunali saranno ’sorvegliati’ speciali. Come anticipato su queste colonne, Palazzo Garampi ha deciso che per gli alunni da 0 a 6 anni delle scuole comunali non è sufficiente demandare la misurazione della temperatura ai genitori, come previsto dalle linee guida nazionali. Il Comune ha già acquistato decine e decine di termoscanner, che verranno impiegati in maniera sistematica. «Le disposizioni lo consentono – ribadisce l’assessore alla Scuola, Mattia Morolli – e già altri comuni in Emilia Romagna, come Bologna e Ravenna, hanno adottato questa decisione». Una decisione che farà parecchio discutere a Rimini, visto che già alcuni genitori hanno scritto al Comune diffidando l’ente dall’uso dei termoscanner e da altri provvedimenti (…)

Articolo tratto da Resto del Carlino

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy