Rimini. Spesi 42 milioni di euro per far fronte all’emergenza coronavirus

La pandemia fin qui è costata 42 milioni alla sanità riminese

A breve i lavori per rendere più sicuro il pre-triage nei Pronto soccorso di Rimini e Riccione

L’emergenza sanitaria è costata già 120 milioni di euro all’Ausl Romagna, tra le spese correnti, come l’assunzione di nuovo personale, l’acquisto di test sierologici, tamponi, reagenti e di nuovi macchinari, e gli investimenti straordinari. Di questi, circa 42 milioni di euro sono stati investiti sulla sanità riminese, dove sono stati inaugurati (a giugno) i nuovi reparti di Terapia Intensiva e Sub-Intensiva all’ospedale Infermi. Ma gli investimenti non si fermano. L’Ausl ha da poco deliberato una nuova spesa di 71mila euro per allestire, presso i Pronto soccorso degli ospedali di Rimini e Riccione, un altro pre-triage per l’attesa dei parenti dei pazienti, che serviranno a garantire la sicurezza e a ridurre il rischio di contagi per chi arriva al reparto. A noleggiare le strutture all’Ausl sarà la ditta Phoenix di Genova. L’Ausl Romagna si sta già preparando anche allo stoccaggio dei vaccini anti-Covid, non appena saranno disponibili. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy