Rimini. Uccide il coinquilino: “Non lo sopportavo più”

Sgozza il coinquilino: “Non lo sopportavo più”

ALESSANDRA NANNI – L’assassino era l’amico. Quello che dopo essersi lavato dal sangue, è corso dai vicini chiedendo aiuto: “Hanno sgozzato Leonardo”. Ma quello che tutti nella strada definivano ancora ieri mattina “un bravo ragazzo”, nel tardo pomeriggio era già crollato. “L’ho ucciso io, non lo sopportavo più”. Il pubblico ministero, Luca Bertuzzi, ha disposto subito il fermo di Marcos Antonio Quispe Luyo, 31 anni, peruviano, operaio in una ditta di San Marino, con l’accusa di omicidio volontario aggravato da motivi futili. Alla sua versione, il sostituto procuratore e i carabinieri del Nucleo investigativo di Rimini, avevano creduto poco fin dall’inizio. La vittima, e coinquilino dell’omicida, è un altro peruviano, Leonardo Yoel Vinces Ballena, 35 anni, massacrato con una coltellata alla gola e due alla schiena. Teatro del delitto, un appartamento minuscolo al piano terra di una villetta di via Lussemburgo, a Miramare. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy