Rimini. Da in escandescenza in spiaggia: arrestata dalla Polizia di Stato

“Nella decorsa serata, la Polizia di Stato di Rimini è intervenuta nei pressi di uno stabilimento balneare di Rimini dove una signora era stata vittima del furto del proprio cellulare e, tramite la geolocalizzazione dello stesso, risultava essere nelle vicinanze di una donna di nazionalità straniera.

Tra le due donne – si legge in una nota della Questura – nasceva un’animata discussione tale da richiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Giunta prontamente sul posto la pattuglia di volante individuava la presunta autrice del furto che, alla vista degli operatori, cercava di darsi alla fuga ma veniva fermata immediatamente e, alla richiesta di fornire le proprie generalità, reagiva violentemente contro gli agenti con calci, pugni, sputi imprecando contro di loro. Gli agenti con l’aiuto del personale della Polizia Locale di Rimini, riuscivano a far salire a bordo dell’autovettura di servizio la persona, cittadina marocchina di trent’anni che fra l’altro cercava in tutti i modi di sfondare il finestrino della volante, danneggiandolo. In Questura, la donna continuava ad avere un comportamento ostile verso gli operanti e nuovamente si scagliava contro uno degli agenti mordendolo.

Nella circostanza la donna è stata arrestata per violenza, resistenza lesioni e minacce a Pubblico Ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità. Inoltre, è stata indagata per danneggiamento aggravato e oltraggio a Pubblico Ufficiale”.

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy