Noto che Oddone è un po’ stizzito. Matteo Ciacci, Il Timbro

Noto che Oddone è un po’ stizzito.
Lo capisco si è accorto di avere sbagliato. Forse il suo obiettivo è sempre stato quello di fare attacchi personali e sembra ci sia riuscito.
Prima di chiamare, “il simpatico” Ciacci, si è informato presso gli uffici preposti (Gendarmeria, Azienda dei Servizi) per verificare se corrispondevano al vero le notizie del suo articoletto.
Io non ho minacciato nessuno, ho 23 anni e ho rispetto per chi esercita la propria professione e gliel’ho subito riferito nelle varie telefonate di oggi pomeriggio, proprio per chiedere di contattarmi per accertarsi delle cose che ha scritto e dicendogli che non avrei nemmeno fatto la smentita se ci coordinavamo su come poter risolvere le inesattezze e il tono mistificatore dell’articolo, ma lui di questo si è dimenticato, troppo preso a scrivere le sue divertenti narrazioni.
Se mai è lo stesso Oddone ad aver iniziato a minacciare il sottoscritto, visto il tono dell’articolo di risposta alla nota effettuata dalla Giunta di Città, dall’Azienda e da noi organizzatori.
Ma non mi va di perdere tempo con persone che offendono e non hanno nemmeno il coraggio di prendersi le proprie responsabilità o addirittura affermano che la nota inviata dalla Giunta di Città, istituzione della Repubblica, sia falsa.
Ma si rende conto di quello che sta dicendo?
Lei sta screditando un’istituzione e un gruppo di organizzatori che si provano ad impegnare nel tempo libero per far divertire i giovani e far rivivere il centro storico.
Capisco il nervosismo ma forse dovrebbe riflettere maggiormente quando scrive altrimenti rischia di scrivere castronerie come nei due articoli, nei quali, direttamente o indirettamente, mi ha citato.
La festa è venuta benissimo tutti sono rimasti soddisfatti della professionalità ed abilità di giovani sammarinesi che hanno voglia di impegnarsi e hanno organizzato un evento che ha portato 1300 persone in Cava dei Balestrieri e raccolto 200 firme per riqualificare l’Ex Tiro a Volo di Murata.
Anche il sottoscritto è stato contattato da una Segreteria ma per complimentarsi per la riuscita dell’evento.
Le cose che lei cita nel suo articoletto non sono vere, e se così non fosse, pregherei, per cortesia, la Gendarmeria o l’Azienda dei Servizi, che ha sottoscritto la nota di smentita al primo articoletto di Oddone, a smentire quello che ho appena scritto cosi che si possa fare chiarezza.
Posso assicurare a tutti i partecipanti che ci tempestano di telefonate per complimentarsi con l’organizzazione che la festa verrà effettuata anche il prossimo anno, cercando naturalmente di migliorare il  lavoro svolto quest’anno, non saranno certe le minacce, queste si che sono minacce, del “simpatico” Oddone a fermare l’organizzazione che collabora da anni con Gendarmeria, Giunta e Segreterie di Stato affinchè la manifestazione possa riuscire positivamente.
Rifletta prima di scrivere la prossima volta, si accerti con chi più competente di lei e stia sereno.
Non risponderò più alle sue minacce perché, ribadisco, non mi va di perdere tempo con chi sputtana la gente senza accertarsi di quello che scrive, perché per via della festa nessuna macchina è stata spaccata, né tantomeno rubinetti (un rubinetto è saltato ma poteva saltare in qualsiasi momento e fatta saltare da chiunque, come ci ha riferito l’ing. Valli) o creati problemi di viabilità (se nessuno organizza niente stia tranquillo sig. Oddone che i parcheggi e le strade saranno sempre vuote) e non è che qualsiasi atto avvenuto in quella sera sia riconducibile per forza alla nostra festa.
Passo e chiudo la polemica, visto che non ho intenzione di abbassarmi a certi livelli.
Viva il Party in Centro.
Matteo Ciacci e Associazione Il Timbro

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy