ORDINE DEL GIORNO

Testo dell’ordine del giorno di riforme e libertà bocciato con 25 voti favorevoli e 33 contrari e 1 astenuto nella seduta odierna.

In riferimento alla situazione di emergenza creatasi nel sistema bancario e finanziario sammarinese in seguito all’entrata in vigore della normativa europea antiriciclaggio, al rinvio del positivo accoglimento sulla conformità del nostro sistema normativo rispetto alle direttive Moneyval, alla classificazione come banche estere degli operatori bancari sammarinesi, alla circolare Draghi del 30 dicembre 2008 il Consiglio Grande e Generale

valuta con estrema preoccupazione questa sequenza di eventi che mette a rischio l’intero sistema bancario e finanziario con evidenti ricadute sul sistema imprenditoriale e sulla quotidiana operatività bancaria di tutti i cittadini creando gravi difficoltà al sistema socio economico sammarinese.

Esprime forte disappunto sulla evidente violazione dell’accordo valutario del 1991 da parte delle Autorità Italiane che seppur modificato dall’entrata in vigore della normativa europea 2005/60/CE , non poteva essere superato in maniera unilaterale e senza un adeguato confronto con la controparte in virtù dei rapporti di buon vicinato in essere fra la Repubblica Italiana e la Repubblica di San Marino.

Come atto di responsabilità ritiene utile ricercare, al proprio interno, con determinazione le cause che hanno determinato il deterioramento dello stato dei rapporti bilaterali al fine di individuare le possibili soluzioni per normalizzare la situazione e individuare nuove opportunità.

Considerato, poi, lo stato di emergenza in cui versa il sistema economico, il Consiglio Grande e Generale incarica il Governo:

di mettere in campo una tempestiva iniziativa politico-diplomatica nei confronti del Governo italiano al fine di ripristinare la piena operatività del sistema bancario e finanziario sulla base degli accordi bilaterali vigenti e di intraprendere anche in sede europea, ogni azione utile a garanzia del rispetto delle proprie prerogative sovrane

Riforme e Libertà

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy