Osla: “Farmacie in perdita, datele ai privati”

L’OSLA chiede l’eliminazione del divieto per i privati di vendere farmaci nella Repubblica di San Marino. Fra l’altro, viene detto, quello statale è un servizio in perdita come si vede ad esempio dall’esercizio 2004: Le farmacie pubbliche hanno garantito incassi per 3 milioni e 515 mila euro circa, a fronte però di costi per i farmaci di 5 milioni e 435mila e di costi complessivi, dovuti a personale, utenze, affitti, beni di consumo e manutenzione di oltre 15 milioni di euro.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy