Partito Socialista San Marino sulla nomina del Direttore Generale di Banca Centrale

Il Partito Socialista apprende della nuova nomina del Direttore Generale di Banca Centrale, sperando che possa operare nell’interesse del Paese al fine di riconquistare la fiducia dei risparmiatori.
Come sostenuto a più riprese, il Partito Socialista coglie con favore che il governo abbia ascoltato la sua proposta di avviare un confronto con l’amministrazione italiana affinché San Marino possa finalmente ricostituire un rapporto collaborativo e proficuo con Banca d’Italia, dopo mesi di gelo e silenzio deleteri per tutto il sistema sammarinese, parlare di internazionalizzazione senza un rinnovato rapporto di fiducia con l’amministrazione italiana non avrebbe alcun senso .
Tuttavia stupisce che il Presidente Grais non abbia ancora fatto le valigie considerando i suoi continui fallimenti e di quelli della governance che lui ha strenuamente voluto e protetto a tutti i costi, a scapito degli ex-funzionari ingiustamente allontanati.
Il Partito Socialista coglie inoltre con favore la nomina di sammarinesi nel CdA di Cassa di Risparmio e del posto per l’opposizione che sarà indicato a seguito dell’approvazione del bilancio.
Spiace notare che alcuni ex-consiglieri di Cassa di Risparmio indicati dal presente governo quali salvatori della patria stiano invece speculando sul loro ruolo trascorso con articoli e post sui Social disdicevoli. Speriamo non sia una sempliciotta riproposizione in stile marinaresco della Congiura dei Pazzi del 1478, quando la famiglia fiorentina de’Pazzi cospirò contro la famiglia de Medici tramite l’appoggio di soggetti esterni per sovvertire l’ordine vigente al tempo. Purtroppo, le competenze adornate dall’eleganza si dimostrano raggiungendo i risultati sul campo e non esprimendo rancore sui social – come sta avvenendo in questi giorni – per non essere stati in grado di risolvere con capacità i problemi e di aver abbandonato la nave come topi impauriti, rischiando oltretutto di divulgare informazioni sensibili coperte da segreto d’ufficio.
In conclusione, il Partito Socialista prende atto della nomina del nuovo Direttore Generale di Banca Centrale congiuntamente al nuovo CdA di Cassa di Risparmio, sperando che – diversamente dal passato – possano operare nell’interesse di San Marino e dei sammarinesi.
Il Partito Socialista continuerà a svolgere la sua funzione di opposizione con ancor più attenzione di prima nell’interesse della collettività, considerando quanto accaduto fino ad oggi e sperando che non siano cambiati solo i suonatori, ma anche la musica.

San Marino il 17.09.2017
Ufficio Stampa del Partito Socialista

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy