Pensieri sciolti di Daniel Giacomini. L’informazione di San Marino

Pensieri
sciolti

di Daniel Giacomini

Mi associo a tutti quanti
augurano alla magistratura
continuità di lavoro e serenità
di giudizio nei casi di cui la
cronaca ci aggiorna quotidianamente,
sempre che misteriosi
trasferimenti non siano più nelle
possibilità delle cose.
Alla fine dei conti qualcuno
probabilmente pagherà. E qualcuno
no.

Escludo, negli eventualmente
colpevoli, casi di depressione
o leggera malinconia dovuti a
rigurgiti di coscienza, data la
mediocrità umana generalmente
in questione.

Quello su cui non ci piove è
che chiunque fosse eventualmente
chiamato a una pena
avrà comunque una vecchiaia
assicurata, con qualche spicciolo
rimasto, perché i denari non
torneranno indietro.
Ma comunque sia la repressione,
per quanto dura ma dubito,
rappresenterà solo una parte
della soluzione, infatti come già
è stato detto abbondantemente
questa generazione politica
generalmente non ci metterà
una pezza, di sua iniziativa,
perché data in delega a persone
compromesse, in quantità numericamente
notevole; compromesse
nella gravissima omertà,
nel silenzio di tutti i giorni, nel
guardare da un’altra parte mentre
le cose succedevano, a loro
comodo e consumo.

Non faccio
di ogni erba un fascio, ma la
tendenza è quella.
Forse altrettanto preoccupante il
futuro prossimo con la tendenza
al caos riguardante la frammentazione,
ma soprattutto la difficile,
se non impossibile, intesa
fra gruppi politici e di opinione. I partiti maggiori, con le uniche
responsabilità del malaffare,
naturalmente ne beneficeranno,
non i sammarinesi.

Non l’ho
inventato io. I due grandi poli
di riferimento dei sammarinesi,
laico ad origine ed ispirazione
socialista e il polo confessionale
ad etica cristiana, dovranno
necessariamente essere, se non
altro, ancora di ispirazione,
se il pensiero primario fosse
spogliarli dalle mele marce e
ripartire dalle basi del loro insegnamento…
ma non è il pensiero
primario.

Non credo che
ritroveremmo una verginità che
non abbiamo mai avuto, ma per
lo meno un tentativo di azzeramento
in difesa di una dignità
sammarinese che attualmente è
sotto i nostri piedi.
Mi si consenta un ultimo
pensiero sulla scuola, visto che
dalla politica e dalla società
è sempre più difficile trovare
esempi virtuosi. Sarebbe cosa
utile che l’educazione civica e
gli insegnamenti dei comportamenti
civili avessero o tornassero
ad avere una precedenza
assoluta nelle scuole di tutti i livelli.
Non so se questo succeda
e in che termini. E’ un impegno
inderogabile.

Daniel Giacomini

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy