Perotto (Ap) su “Affari d’Oro” e coerenza Ddc

Quando la coerenza non è di casa nei Ddc

Vi ricordate quando i Democratici di Centro in campagna elettorale accusavano Alleanza Popolare di essere in coalizione con gli speculatori del territorio?
Alleanza Popolare, non solo non ha mai spalleggiato i poteri forti ma li ha sempre avversati, quando questi erano contrari agli interessi del Paese.
Con delibera odierna, il Congresso di Stato ha revocato una società, L’Affari d’oro srl, che è balzata agli “onori” della cronaca, nei giorni scorsi, per avere pubblicizzato la vendita di immobili con annessa residenza in territorio sammarinese.
Alleanza Popolare, nella scorsa legislatura, si è battuta contro la possibilità di estendere le residenze in territorio, qualora i beneficiari avessero acquistato un immobile in Repubblica.
Lo diceva con una maggioranza e lo sostiene anche con un altro governo.
Oggi percepisco l’imbarazzo dei Ddc per la revoca di questa società.
Come mai non sono intervenuti nell’accusare i proprietari di questa società di comportamenti censurabili?
Non sarà mica che l’amministratrice ed il socio sono molto affini ad un loro consigliere?
Dico molto affini per non dire parenti.
Il loro silenzio in questa situazione è quanto mai chiaro.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy