Progetto di legge sulle telecomunicazioni

Nella giornata di oggi i Consilieri Paride Andreoli, Giovanni Lonfernini e Alessandro Rossi presenteranno una interpellanza dal seguente contenuto:

Visti i contenuti del programma di governo che recita:”

“Lo Stato, tramite la istituzione di una Autorità delle Telecomunicazioni preposta al controllo e alla vigilanza, dovrà porsi come regolatore del settore e fornitore di concessioni a diversi soggetti in condizioni di trasparenza. Nello specifico l’Autorità delle Telecomunicazioni dovrà determinare i criteri di accesso, a parità di condizioni, e i relativi canoni di tutti i concessionari delle reti esistenti e future.”;

visti gli obiettivi delineati nel Piano Strategico delle Telecomunicazioni approvato dal Consiglio Grande e Generale il 29 marzo 2005;
in considerazione delle notevoli difficoltà esistenti nella funzionalità e nei rapporti tra i gestori già presenti per l’erogazione dei servizi di telecomunicazione, condizione che rende urgente la presenza regolatrice dell’Autorità per l’intero settore;

tenuto conto delle numerose dichiarazioni di differente tenore espresse da diversi membri del Congresso di Stato negli ultimi giorni circa le eventuali nuove assegnazioni delle frequenze attraverso due rispettive delibere


interpelliamo il Governo
per conoscere:

 quali sono gli intendimenti circa il rispetto degli obiettivi contenuti nel programma di governo;

 quali sono gli intendimenti circa il perseguimento degli obbiettivi delineati nel Piano Strategico delle Telecomunicazioni;

 quali sono i tempi in cui intende istituire l’Autorità delle Telecomunicazioni;

 quali sono i tempi in cui intende concedere nuove assegnazioni di frequenze;

 se tali eventuali assegnazioni saranno successive alla istituzione ed alla operatività dell’Autorità delle Telecomunicazioni.”

La Coalizione Riforme e Libertà, inoltre, con l’obbiettivo di proporre un concreto contributo, anche al fine di istituire e rendere operativa al più presto l’Autorità delle Telecomunicazioni come soggetto di garanzia e regolatore dell’intero sistema delle telecomunicazioni e delle relative prospettive di sviluppo, ha elaborato e depositato nella giornata di venerdì 13 marzo scorso il progetto di legge “Legge Quadro per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica”, rispetto al quale auspica la disponibilità dei gruppi consigliari al confronto per giungere quanto prima alla approvazione

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy