Psd completa gli organismi interni e prende di nuovo posizione su Asset Banca

Il Consiglio Direttivo nella seduta del 28 gennaio ha proceduto, a norma dell’art. 3 paragrafo 8 dello Statuto, alla nomina del Responsabile Amministrativo Rossano Fabbri, dei componenti il Comitato Amministrativo Marino Angelini e Oriana Mazzoli, dei Sindaci Revisori Renzo Giardi e Irish De Biagi.

Il Consiglio Direttivo ha quindi ascoltato la relazione del Segretario Paride Andreoli sulla situazione politica anche in relazione alla vicenda consiliare degli Ordini del Giorno sulla questione Asset Banca.

Al termine del dibattito si è convenuto che:

– il fenomeno dei cosiddetti “franchi tiratori” nella maggioranza, pur deprecabile sul piano dei comportamenti individuali, va affrontato sul piano politico perché crea incertezza e disorientamento nell’opinione pubblica e si connota come elemento di rallentamento dell’azione di governo;

– l’azione del Governo e della maggioranza, così come si è dispiegata dal luglio 2006 ad oggi, non corrisponde a sufficienza alla volontà riformatrice espressa dal PSD e confermata anche dal recente Congresso e soprattutto non risponde adeguatamente ai bisogni e alle aspettative del Paese;

– la Segreteria, il Gruppo Consiliare e la Delegazione di Governo debbano essere impegnati al massimo a conseguire gli obiettivi fissati nel programma di governo, approvato lo scorso novembre, portando a realizzazione in tempi rapidi:

a) il completamento della riforma previdenziale e della riforma fiscale;

b) la riforma della PA;

c) l’adozione di un nuovo strumento democratico di consultazione dei cittadini;

d) il varo del progetto strategico del turismo e piano di valorizzazione del commercio anche sulla base dello studio McKinsey.

e) la conclusione dei progetti di razionalizzazione della presenza dello Stato nell’economia;

f) un piano di sviluppo delle attività produttive e di servizio;

g) l’azione per il rafforzamento, l’internazionalizzazione e lo sviluppo del sistema bancario e finanziario;

h) la normativa sulle residenze;

i) la riforma del sistema scolastico e formativo;

j) la definizione di un quadro normativo che favorisca le fonti rinnovabili e il risparmio di energia e di un piano che garantisca i necessari approvvigionamenti;

k) il potenziamento del servizio di asilo nido;

– sia fondamentale concludere gli accordi oggetto di confronto con la Repubblica Italiana, rendendo partecipi delle scelte il Consiglio Grande e Generale, le Organizzazioni del mondo del lavoro e dell’impresa e l’intera comunità;

– sia urgente avviare il lavoro di predisposizione della riforma del codice di procedura penale e degli strumenti di governo dello sviluppo urbanistico e dell’uso dell’ambiente naturale;

– sia utile promuovere una forte dialettica democratica fra maggioranza e opposizione nell’interesse superiore della Repubblica;

– il Consiglio Direttivo, consapevole della grande responsabilità che deriva al PSD dall’essere oggi il partito di maggioranza relativa, dà mandato ai propri organismi direttivi di rappresentare agli alleati e all’opinione pubblica la determinazione ad operare una forte accelerazione all’azione di governo, superando le indecisioni e le incertezze, nella consapevolezza che partiti e coalizioni debbano essere giudicati per la loro capacità di trasformare i progetti politici in azione concreta a vantaggio del Paese;

– incarica inoltre la Segreteria di riattivare un forte collegamento con l’opinione pubblica e con la società civile attraverso il dibattito con i cittadini e di approfondire il confronto interno al fine di migliorare il funzionamento del Partito, la sua capacità di elaborazione progettuale, di dialogo e di partecipazione alle decisioni politiche.

San Marino, 29 gennaio 2008

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy