Quasi 1800 profughi in provincia di Rimini: «Aiuti alle famiglie che accolgono»

Lo chiedono i Comuni per una migliore organizzazione. E la prefettura allarga i posti disponibili. Continua l’adesione spontanea degli hotel, ma deve essere regolarizzata attraverso una convenzione.

Continuano ad arrivare. Donne, anziani e minori in fuga dalla guerra che sta insanguinando il loro Paese. Sono ormai quasi 1.780 i profughi ucraini ospiti della nostra Provincia. La macchina dell’accoglienza, coordinata dalla Prefettura con la collaborazione della Protezione civile e dei sindaci, sta mettendo in campo tutti gli sforzi possibili per trovare una sistemazione adeguata agli sfollati che scappano dalle bombe. Il che naturalmente non significa solamente vitto e alloggio, ma anche un lungo elenco di altre cose: assistenza sanitaria e psicologica, scuola, corsi di lingue. Al momento sarebbero circa 380 le camere reperite a livello provinciale, in strutture pubbliche e private, per offrire una risposta immediata all’emergenza. La prima linea dell’accoglienza è rappresentata dai Cas (Centri di accoglienza straordinaria) e dalla rete Sai (Sistema di accoglienza integrata). Da soli, però, questi centri non sono sufficienti. Ecco perché la prefettura ha chiesto il sostegno dei Comuni e dei privati. (…)

Articolo tratto dal Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy