Reazione alle provocazioni di Riforme e Libertà

“Di fronte all’esortazione della minoranza di farla finita con i richiami alle responsabilità ed ai ritardi dei passati governi per quanto riguarda i difficili rapporti con la Repubblica Italiana, c’è da rimanere allibiti da tanta sfacciataggine! Il Psd, nella sua componente socialista ma non solo, ha governato il Paese dal 1992 al 2008 ed i suoi leader al pari di molti altri, DdC compresi, non possono giocare allo scaricabarile.
Quanto al fatto che Alleanza Popolare ha partecipato ai governi degli ultimi due anni, ciò non significa che debba caricarsi sulle spalle anche le colpe che non ha. Anzi, è stata proprio la ferma opposizione del movimento di fronte ai tentativi del Psd di creare la repubblica dei casinò e delle residenze fiscali, ad evitare guai ancora peggiori con i nostri vicini. Il Segretario Masi – da parte sua – ha revocato società ed impedito nuove concessioni, come da anni andava fatto se l’irresponsabilità di certa classe politica non fosse stata il tratto distintivo di molti governi del passato.
Non va dimenticato, infine, che a deteriorare i rapporti con l’Italia è intervenuto il pessimo comportamento di un Segretario di Stato targato psd che, nella primavera scorsa, ha interferito nelle competenze di un magistrato rispetto ad un rogatoria sul caso Asset Banca. Comportamento che Ap aveva pubblicamente stigmatizzato e da cui aveva preso le più nette distanze nonostante condividesse, in quel momento, responsabilità di governo. Tanto da votare a favore di una iniziativa consiliare di censura nei confronti del Segretario in questione, promossa dalle opposizioni di allora”.

Alleanza Popolare
Comunicato Stampa

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy