Riforma della Pa e legge per le elezioni delle Giunte di Castello

Nella seduta del Consiglio Grande e Generale iniziata oggi, il Segretario di Stato per gli Affari Interni, Valeria Ciavatta, come annunciato precedentemente, ha portato in prima lettura il pacchetto di provvedimenti legislativi inerenti alla riforma della Pubblica Amministrazione. Si tratta della “Legge Quadro per la riforma della Pubblica Amministrazione”, della legge “Norme di Disciplina per i pubblici dipendenti”, della legge “Concorsi e altre forme di selezione”, e della “Legge sulla dirigenza”. Con queste normative, ribadisce il Segretario Ciavatta, il Governo dimostra una precisa volontà di procedere in tempi brevi con la riforma, confermando la priorità della stessa sancita dal programma di Governo e la necessità di apportare alla struttura della P.A. cambiamenti effettivi e non più procrastinabili.

Con la Legge Quadro si indicano gli obiettivi e gli strumenti per perseguirli e si definisce chiaramente il contesto in cui si collocheranno i vari interventi di riforma. Nelle altre leggi che fanno parte di questo primo pacchetto, si definiscono tutte le forme di selezione del personale, si dà un nuovo assetto al sistema dei provvedimenti disciplinari, rendendoli compatibili con gli eventuali procedimenti penali che dovessero interessare i pubblici dipendenti, e si definiscono lo status giuridico e gli ambiti di responsabilità per i quadri dirigenziali.

Inoltre il C.G.G. ha approvato un progetto di legge portato dal Segretario agli Interni su “Modifiche alla Legge sulle Giunte di Castello”. Si tratta di un intervento tecnico, teso ad equiparare la tipologia delle schede elettorali per l’elezione delle Giunte di Castello a quelle previste per le elezioni generali, per istituire il seggio speciale all’ospedale di Stato e uniformare una causa di nullità del voto introdotta dalla recente legge. Al fine di poter applicare le nuove norme nelle prossime elezioni per il rinnovo delle Giunte di Castello, già indette, il Consiglio ha adottato la procedura d’urgenza.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy