Riforma Previdenziale e Legge di Bilancio – aumentano le difficoltà per le piccole-medie imprese

COMUNICATO STAMPA
Riforma Previdenziale e Legge di Bilancio – aumentano le difficoltà per le piccole-medie imprese
Dal 1° gennaio 2012 entrerà in vigore una modifica del sistema previdenziale. Nella nuova categoria denominata Gestione Separata verranno inseriti anche gli Amministratori delle Società, che dovranno versare un contributo minimo annuale anche nel caso in cui non percepiscano alcun compenso, visto che la normativa prevede un contributo che oscilla da 783,19 a 2610,64 euro annuali, calcolato sulla base di un reddito minimo.
Questo provvedimento, insieme all’ipotesi di Imposta minima sul reddito presente nella bozza di Legge di Bilancio approvata in prima lettura, rischia di aggravare la già instabile situazione economica di numerose piccole – medie aziende, tra le quali spiccano quelle a gestione familiare.
Non parliamo inoltre di tutte quelle aziende amministrate da soggetti non residenti che non versano ad alcun titolo in un fondo ISS, che se ad oggi erano indecise nell’abbandonare o meno San Marino al 31 Dicembre, hanno ricevuto un ulteriore stimolo a farlo.
Siamo quindi a richiedere un urgente interessamento del Congresso di Stato e del Consiglio Grande e Generale verso questa problematica, che potrebbe avere gravi ripercussioni sulle attività gestite da famiglie sammarinesi e su tutte le altre realtà che ad oggi, resistendo, hanno creduto nel sistema sammarinese, alimentando l’indotto interno della nostra economia.
Il Consiglio Direttivo USOT

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy