Rimini. Al via alla nuova edizione di Ecomondo

RIMINI. Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, il Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, il sindaco di Rimini Andrea Gnassi e il presidente di Rimini Fiera Lorenzo Cagnoni hanno inaugurato questa mattina il grande evento dedicato alla Green Economy. La manifestazione Ecomondo, in allestimento fino a venerdì 6 novembre negli spazi di Rimini Fiera, e gli altri appuntamento in programma occupano tutti e 16 i padiglioni della struttura.

Davanti a un folto pubblico il presidente Cagnoni ha affermato: “Abbiamo lavorato per offrire a espositori e visitatori una reale vetrina mondiale, promuovendo la nostra proposta in 53 Paesi. Un lavoro che ha prodotto grandi risultati. Ospiteremo 500 buyers stranieri e attendiamo visitatori da 90 Paesi. Abbiamo una platea eccellente di giornalisti esteri. Ricordo che a fine mese debutterà  Ecomondo in Brasile. E’ dunque il tratto internazionale che caratterizzerà  queste giornate a Rimini Fiera. Lo ritroverete nei padiglioni, ma anche nei seminari, un’altra grande ricchezza della nostra proposta. Ecomondo, Key Energy e i saloni collegati stanno ampliando la loro offerta a tutta l’industria, oggi più che mai alla ricerca di soluzioni per efficientare i suoi processi nella direzione della sostenibilità  e del risparmio ambientale”.

Gli ha fatto eco il sindaco Gnassi: “Ecomondo nacque nel 1997 con una felice intuizione, da pionieri rispetto ad un cambiamento auspicato, ma allora ancora lontano. Oggi che il mondo è cambiato, la fiera continua a testimoniare questa evoluzione e ad accompagnare il cammino di chi ha maturato una sensibilità  forte sulla tutela dell’ambiente. L’Italia può dunque essere centrale nelle politiche di sviluppo nel Mediterraneo se prende coscienza piena di un cambiamento non rinviabile: stop allo sfruttamento del territorio e qualità  a ciò che avvolge i giacimenti di materie prime, ma anche quelli storici e turistici. La città  di Rimini, col suo stop al cemento e il suo impegno per il rifacimento del sistema idrico-fogniario per evitare disastri ecologici, è parte di questo percorso virtuoso”.

Ha continuato il presidente della Regione, Bonaccini: “Per la politica è tempo di passare dalle parole ai fatti. Ecomondo è un salone di profilo europeo nel quale la Regione porta azioni concrete: firmiamo qui un Accordo di Programma per finanziare con 20 milioni il ripascimento di tutta la costa regionale; lavoriamo ad una Legge sul consumo del suolo che sia a saldo zero; abbiamo approvato una legge regionale sui rifiuti per salire al 73% di raccolta differenziata, e arrivare al -20% di rifiuti procapite entro il 2020; fra poche ore partiremo per gli Usa per dialogare con il Governatore della California sulle direttrici efficaci per la riduzione delle emissioni; infine, grazie ai fondi europei,  accederemo a 104 milioni di euro a favore della mobilità  sostenibile”.

Ha concluso il ministro Galletti: “Ad Ecomondo ci si rende conto che ciò che abbiamo immaginato come futuro migliore è in realtà  presente. A Rimini Fiera economia e ambiente vanno a braccetto per far crescere il Paese. Chiunque disgiunge il fare impresa da una connotazione di sostenibilità  ambientale è condannato ai margini. Come Governo stiamo procedendo su fronti importanti: la certificazione dei nostri impegni presi col protocollo di Kyoto; l’approvazione in Senato e, spero, entro il 2015 anche alla Camera del Collegato Ambientale; l’adesione alla Direttiva Europea sull’economia circolare prevista per il 2 dicembre; la preparazione della Conferenza Mondiale sul Clima di Parigi. Vorrei che l’Italia, a partire da Ecomondo, si muovesse in maniera corale e convinta verso questo appuntamento che mette in gioco il futuro del Pianeta”.

Al termine della cerimonia di apertura, via alla quarta edizione degli Stati Generali della Green Economy, all’interno dei quali è stata presentata la 1a Relazione sullo stato della green economy in Italia.

[c.s. Rimini Fiera]

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy