Rimini. Azienda riminese con filiale a San Marino nel mirino della Finanza. Corriere Romagna

Andrea Rossini di Corriere Romagna: La Guardia di finanza contesta operazioni inesistenti per un milione e mezzo di euro. Agli accusati sequestrati case, quote e terreni per equivalente /
Frode fiscale, ditta informatica nei guai /
Indagati per associazione a delinquere tre soci riminesi e uno sammarinese

RIMINI. I tre soci di una nota azienda riminese, leader italiana nel software per l’industria alberghiera e turistica, e l’amministratore della “consorella” sammarinese sono indagati con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale e al riciclaggio di denaro.
Nei loro confronti, su richiesta del sostituto procuratore Davide Ercolani e sulla base delle indagini dei militari della compagnia riminese della Guardia di finanza, il Gup Stefania Di Rienzo ha disposto sequestri per equivalente di beni e conti correnti. L’accusa parla di un giro di fatturazioni false e operazioni fittizie (tra il 2002 e il 2009) per circa un milione e mezzo di euro.

 

 


Oggi i Giornali parlano di…

Webcam Nido del Falco

Meteo San Marino di N. Montebelli

Vignette di Ranfo

Accadde oggi, pillola di storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy