Rimini: Battute di pesca abusiva, interviene la Capitaneria di porto

Nella notte tra martedì e mercoledì il personale della Capitaneria di Porto di Rimini Sezione Operativa Mezzi Nautici e dell’Ufficio Locale Marittimo di Riccione, ha condotto congiuntamente un’operazione di polizia giudiziaria volta a riscontrare numerosissime segnalazioni pervenute alla Centrale Operativa della Capitaneria di porto di Rimini – Guardia Costiera in merito ad attività di pesca abusiva svolta all’altezza del litorale di Riccione – Misano Adriatico, in ore tardo pomeridiane e notturne, nell’area riservata alla balneazione.

Nello specifico privati cittadini, turisti e residenti in zona, hanno denunciato a questa Capitaneria di porto – Guardia Costiera la frequente presenza di imbarcazioni visibili dalla riva che, dopo aver posizionato delle reti e delle altre attrezzature da pesca sottocosta, effettuavano battute di pesca nella fascia di mare tassativamente vietata da Ordinanze locali e leggi sulla pesca.

Questo Comando ha quindi organizzato degli appostamenti notturni nelle acque antistanti il litorale di Riccione e Misano Adriatico cogliendo sul fatto un’imbarcazione da pesca che, col favore dell’oscurità, dopo aver abusivamente gettato 270 metri di rete a 200 metri dalla costa, svolgeva l’attività illecita di pesca.

Al pescatore è stato elevato verbale per inosservanza dell’Ordinanza balneare e della legge sulla pesca che comporta una sanzione amministrativa di euro 4.000 con conseguente sequestro e distruzione dell’attrezzatura da pesca.

Evidentemente la problematica della pesca professionale, in zone vietate o comunque non nel pieno rispetto delle norme generali che la disciplinano, è un fenomeno diffuso su cui la Capitaneria di Porto di Rimini continuerà a tenere alta la vigilanza anche nei prossimi mesi.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy