Rimini. Caso Pantani: dose letale di psicofarmaci nel sangue. Il Resto del Carlino

Lorenza Lavosi – Il Resto del Carlino: INCHIESTA BIS LA PROCURA VERSO LA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE / Nel sangue ritrovato di Pantani una dose letale di psicofarmaci

RIMINI. Sfinito, stremato, con l’ animo in pezzi Marco Pantani nel febbraio del 2004 al residence Le Rose cercò con dosi massicce di psicofarmaci di attenuare il dolore che lo attanagliava, furono quelli, più della tanta cocaina che aveva assunto, ad ucciderlo. Che abbia esagerato senza rendersene conto o che li abbia ingurgitati con l’ intenzione di morire non si saprà mai. Di certo sono stati la causa del decesso unita poi all’ abuso di cocaina. Si conoscono in letteratura medica casi di tossicodipendenti uccisi a pistolettate che avevano in corpo tanta cocaina quanta Pantani e non per questo erano morti. Di qui la considerazione del ruolo preminente di Venlafaxina e Trimipramina. Questo è questo il risultato della nuova, l’ ennesima perizia che si basa su reperti di sangue e urine (che si credevano distrutti) che il professor Franco Tagliaro, ha consegnato in questi giorni al procuratore Paolo Giovagnoli. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy