Rimini. Crisi economica, Vescovo Lambiasi e Prefetto Palomba: ripartire dalle persone più bisognose. Corriere Romagna

Lucia Paci – Corriere Romagna: Ieri il tradizionale appuntamento nella sede della Caritas Diocesana. Il prefetto Palomba: «I giovani sfiduciati sono uno dei drammi peggiori» /
«C’è chi non ha più lacrime per piangere» /
Il vescovo: anche 20 euro aiutano chi è in difficoltà

RIMINI. «Un’economia malata soffoca un’economia sana e vivere in funzione dei soldi svia dai veri valori». Richiamando le parole di papa Francesco, il vescovo di Rimini Francesco Lambiasi, per il suo saluto di fine anno tenuto ieri pomeriggio nella sede della Caritas Diocesana, ha rivolto un pensiero a tutte quelle persone che in questo particolare momento storico «non hanno più nemmeno le lacrime per piangere». Portando l’esempio di una donna in difficoltà incontrata alcuni giorni fa in strada, il vescovo ha sottolineato che anche 20 euro possono aiutare chi è in situazione di estremo disagio.
Anche il discorso del prefetto di Rimini Claudio Palomba si è concentrato sul disagio sociale e sulle risposte che il territorio può dare per fare ripartire l’economia: «La scelta di questo luogo, dove i volontari della Caritas compiono ogni possibile sforzo per lenire sofferenze e povertà, è indicativa di una volontà di ripartire dalle persone che maggiormente patiscono il perdurare della situazione di crisi e versano in uno stato di indigenza che non può e non deve sottrarre loro il prezioso bene della dignità della persona». Palomba ha rimarcato l’importanza della nascita del distretto turistico, fermo da sei mesi dall’amministrazione centrale, e per il quale ha assicurato il proprio impegno per sbloccare la situazione al ministero competente: «Occorre creare occupazione, i giovani sfiduciati sono uno dei drammi peggiori».
(…)


Foto: Francesco De Luigi

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy