Rimini. Delfinario, maltrattamento di animali: due rinvii a giudizio. Corriere Romagna

Corriere Romagna: Delfinario, due rinvii a giudizio per maltrattamenti di animali / Alla sbarra l’ex amministratore unico e l’ex veterinaria. Secondo l’accusa i delfini erano «sottoposti a comportamenti insopportabili»

RIMINI. Il prossimo 7 maggio inizierà il processo che vede coinvolto il Delfinario. Rinviati a giudizio ci sono l’ex amministratore unico della struttura e l’ex veterinaria responsabile della custodia e della somministrazione dei farmaci: devono rispondere di maltrattamento.

Secondo l’accusa, ricorda in una nota la Lav che è stata riconosciuta parte offesa, gli imputati «sottoponevano i quattro delfini della specie Tursiops truncatus ospitati nel delfinario, a comportamenti insopportabili per loro caratteristiche etologiche e quindi incompatibili per la loro natura». Compresi «trattamenti idonei a procurare un danno alla salute degli stessi con conseguenti gravi sofferenze ». Il pm Marino Cerioni ha parlato di «criticità emerse in relazione alle dimensioni e caratteristiche delle vasche in cui erano detenuti ed erano costretti ad esibirsi i quattro delfini».

Si tratta, sottolinea la Lav, di «un ulteriore importante passo avanti verso la definitiva chiusura di una struttura che pur non avendo mai ottenuto l’indispensabile licenza di giardino zoologico, è rimasta aperta al pubblico per quasi un decennio proponendo spettacoli con delfini, e che, nonostante tutto, dalla scorsoanno fa esibire delle otarie». (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy