Rimini. Divieti di balneazione in 21 punti del litorale emiliano-romagnolo, precisazione Arpa

RIMINI. Divieti di balneazione. L’Arpa, in riferimento agli articoli pubblicati nei giorni scorsi a proposito dei divieti di balneazione adottati dai Comuni costieri, precisa quanto segue.

Il 25 maggio l´Agenzia ha prelevato campioni di acqua nei 93 punti del litorale emiliano-romagnolo. Le analisi di questi – che necessitano di 48 ore per avere esiti definitivi – sono iniziate il giorno stesso. Il giorno successivo (26 maggio) Arpa, dopo aver notato che parte dei campioni superavano già i limiti di legge, ha pre-allertato le Ausl competenti per territorio per consentire l´immediata trasmissione della proposta di divieto temporaneo di balneazione ai Sindaci. Questa prassi, consolidata da tempo e seguita sia nei giorni feriali sia in quelli festivi, permette la massima tempestività nell´adozione di misure per salvaguardare la salute dei bagnanti.

In data 27 maggio sono stati poi confermati i risultati che hanno evidenziato parametri microbiologici delle acque analizzate superiori ai limiti di legge per 21 punti. Ogni volta che Arpa registra una non conformità delle acque di balneazione, dal giorno successivo effettua nuovi campionamenti quotidiani fino a quando i valori non rientrano nella norma; questo per consentire al Sindaco la revoca del divieto e garantire tempestività nel ripristino della balneabilità. Gli esiti del monitoraggio, compresa la situazione di pre-allerta a 24 ore dal prelievo, nonché il successivo ripristino della balneabilità, sono segnalati in tempo reale sul sito Balneazione e comunicati alle autorità competenti.

Comunicato Stampa ARPA

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy