Rimini. Divorzi all’italiana e bambini nelle mani dei servizi sociali. Corriere Romagna

Annalisa Boselli di Corriere Romagna: Come Leonardo, bambini “strappati” ai genitori /
Nel Riminese sono circa 900 i minori soggetti a provvedimenti giudiziari /
Agenti in borghese al posto degli assistenti sociali portano via tra le lacrime i figli a un padre

 

RIMINI. Il caso di Leonardo, il bambino “prelevato” dagli agenti della Polizia a Cittadella, del padovano, non è isolato. A Rimini sono decine i casi drammatici di minori sottratti a uno o all’altro genitore a scuola, all’insaputa di tutti, oppure, nel corso di appuntamenti che sono stati dati dai servizi sociali a uno o all’altro genitore, dove, oltre agli assistenti, “sbucavano” fuori anche poliziotti. (…)

A Rimini sono quasi 900 (892 per la precisione) i minori presi in carico perchè soggetti a provvedimento dell’autorità giudiziaria, per la maggior parte dei casi per problemi socio-educativi legati al nucleo famigliare. Tra questi, i conflitti tra i genitori segnano 554 casi di bambini su cui sono dovuti intervenire i servizi sociali, proprio per cercare di “tamponare” i dissidi famigliari. Non sempre si riesce a risolvere i conflitti dentro la famiglia di origine, per cui, nel corso del 2012, risultano essere 148 i minorenni a vario titolo inseriti in strutture per situazioni di difficoltà da parte dei genitori a svolgere le loro funzioni. Sempre nel corso di quest’anno sono 98 gli affidi famigliari, divisi tra consensuali (accordo tra i genitori) e giudiziali (disposti dal giudice). Più in generale, a fine 2011 i minori seguiti in tutta la provincia dai servizi sociali dell’Ausl erano 4.378; di questi il 30% circa è straniero. Sono invece 12.000 i ricorsi in Italia da parte di uno o dell’altro genitore contro l’affidamento deciso dal giudice. (…)

 

 


Oggi i Giornali parlano di…

Webcam Nido del Falco

Meteo San Marino di N. Montebelli

Vignette di Ranfo

Accadde oggi, pillola di storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy