Rimini. Ecstasy, 17enne ricoverato: ‘Non sono mai stato al Cocoricò’. Corriere Romagna

Corriere Romagna: Ecstasy al Cocoricò? Era una bugia / Il 17enne di Como che rischia il trapianto di fegato non era stato a ballare a Riccione / Sotto torchio, gli amici del ragazzo confessano: la pasticca presa a una festa a Torino

RIMINI. Non sarebbe mai stato a Riccione né al Cocoricò, il ragazzo di 17 anni di Como che per uso di ecstasy ha rischiato il trapianto di fegato dopo una serata in discoteca l’11 luglio scorso. Messi sotto torchio dalla Squadra mobile di Como (su richiesta della questura di Rimini) gli amici del 17enne, tutti minorenni, hanno ceduto, confessando di essere stati in realtà a una festa che si svolge annualmente a Torino.

Dato che i genitori non avrebbero gradito, per non farli preoccupare hanno raccontato loro di essere andati a ballare a Riccione. Ma nella Perla verde non avrebbero mai messo piede. Stando al racconto del figlio, la madre del 17enne aveva preso una dura posizione contro il locale riccionese attraverso la fondazione Ema- Pesciolino Rosso dopo la notizia della morte di Lamberto Lucaccioni, il 16enne di Città di Castello, morto proprio al Cocoricò per una overdose di ecstasy. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy