Rimini. Entra nel vivo la 93esima adunata nazionale degli alpini

La giornata di sabato della 93esima adunata si apre nelle acque del porto di Rimini con un ricordo che passa attraverso un viaggio in mare delle penne nere dell’Associazione Naufraghi del Galilea e dell’Associazione ‘Mai Daur’ a bordo di una motovedetta della Capitaneria di Porto riminese.

Usciti al largo, hanno lanciato una corona tricolore in mare per ricordare il tragico mare di ottant’anni fa. Quello del 28 marzo 1942, quando il ‘Galilea’, un piroscafo carico di Alpini della divisione Julia e di altri militari era diretto verso le coste italiane, dopo aver lasciato il fronte greco. Nella notte, in mezzo a un mare agitato, la nave venne mortalmente colpita da un siluro inglese: delle 1329 persone a bordo, per la maggior parte del battaglione Gemona (divisione Julia), se ne salveranno solo 279. A bordo scoppia il panico. Gli Alpini che sanno nuotare sono pochi, alcuni si gettano in acqua per lo spavento e annegano al buio, altri si tuffano invano dalle scialuppe per tentare disperatamente di salvare chi grida aiuto. Il mare di Rimini questa mattina è stato l’occasione per ricordare i fatti di 80 anni fa e gli alpini di Gemona sepolti in mare con un’iniziativa portata avanti dai due sodalizi che hanno voluto ricordare quei giovani alpini e soldati.

La giornata è proseguita con la prima volta degli alpini all’estero per la loro adunata. A San Marino alle 9.00 in Piazza della Libertà con l’Alzabandiera, poi con la deposizione della Corona alla Ara dei Volontari; quindi la sfilata lungo il centro storico fino a piazzale Kennedy per l’omaggio al monumento dedicato, donato dalla stessa Associazione e lo scoprimento della targa ai Volontari; Corteo aperto dalla Banda Militare e dai Corpi militari di San Marino dopodiché l’incontro al Kursaal con le sezioni estere e militari straniere

Nel pomeriggio l’Adunata tornerà a Rimini per l’incontro con le autorità al Teatro Galli, al quale è annunciata anche la partecipazione del generale Figliuolo.

Domenica 8 maggio prenderà il via il momento più solenne e atteso. La grande sfilata che concluderà la 93a Adunata Nazionale degli Alpini si apre domenica mattina alle 9 da piazzale Gondar. Decine di migliaia di alpini (normalmente in sfilata se ne contano circa ottantamila) percorreranno in direzione nord il Lungomare Di Vittorio e Viale Regina Elena, in file di nove, sino alla zona di scioglimento del corteo, all’altezza di piazza Marvelli. All’altezza del Bagno 72 passeranno davanti alla Tribuna d’onore, rendendo omaggio alle autorità (è annunciata la presenza del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, insieme al ministro Colao), al Labaro Nazionale dell’Ana e alle Bandiere di guerra di tutti i reggimenti delle Truppe Alpine.

La sfilata, che durerà sino a sera, prevede il passaggio degli alpini suddivisi in settori, preceduti dalle formazioni militari, dalle Sezioni estere e da Protezione Civile e Sanità Alpina. Ad accompagnarli saranno una ottantina di fanfare e bande. L’ordine di sfilamento è inversamente proporzionale alla provenienza degli alpini: chi viene dalle province più distanti sfilerà per primo. A chiudere la sfilata saranno i padroni di casa della Sezione Bolognese Romagnola.

Domenica 8 maggio scatta la zona rossa

Una squadra di 160 uomini della Polizia locale presidierà nell’arco delle 24 ore la viabilità cittadina e le zone interessate dagli eventi. Dalla mezzanotte di sabato scatterà la zona rossa per qualunque mezzo (https://bit.ly/93AdunataNazionaleAlpini).

L’area Rossa è delimitata all’area a mare della ferrovia e parte da viale Principe Amedeo angolo via Dandolo e via Beccadelli fino a via Catania a Rivazzurra(esclusa), includendo anche l’area di ammassamento che interesserà la zona limitata dalla via Rimembranze a via Chiabrera e dalla linea ferroviaria alla via Fogazzaro. La zona “rossa” scatterà domenica 8 maggio in occasione della Sfilata degli Alpini (a partire dalle ore 24.00 di sabato 7 fino alle ore 24 di domenica 8 maggio) e sarà interdetta anche alle auto dei residenti ed ai mezzi pubblici, con il divieto di circolazione a tutti i veicoli. All’interno di tale area sarà vietato, per la giornata di domenica, anche l’accesso di mezzi di approvvigionamento per le attività e i pubblici esercizi presenti sul territorio ed il transito dei mezzi già stazionanti all’interno di tale area. Con le medesime disposizioni sarà vietata la mobilità con auto e altri mezzi dalle e per le attività alberghiere insistenti all’interno della zona.

L’area Arancione è un’area di pre-filtraggio, adiacente alla zona rossa ed include tutta l’area alla Destra del Porto a mare della ferrovia fino a Parco Fellini, viale Principe Amedeo, via Dandolo, via Cormons (già in zona rossa) e via Nazario Sauro fino al Parco Elisabetta Renzi. La zona arancione continua a monte della ferrovia, a partire dal Parco, prendendo a riferimento il nuovo ponte che attraversa via Roma, e proseguendo verso sud parallelamente alle vie di transito Roma, Ugo Bassi, Giuliani, Settembrini e Marradi che restano aperte. La zona arancione circonda inoltre l’area rossa di ammassamento in preparazione alla sfilata, che include via Chiabrera, via Fogazzaro e via Rimembranze (escluso il tratto da Via Marradi/Melucci a Via Flaminia), e si estende lateralmente fino all’altezza di via Vannucci e Via Botero con delimitazioni che saranno identificate con transenne e apposita segnaletica. In quest’area sarà ammessa la mobilità in condizioni di necessità esclusivamente per i residenti. Le zone sono costantemente presidiate dalla Polizia Locale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy