Rimini. «Green pass falsi: prendevo 50 euro per ogni cliente portato al medico»

Parla la donna accusata di aver fornito al dottor Bonato i nomi per le finte vaccinazioni: «Gli consegnavo le tessere sanitarie: non riuscivo a dire di no alle richieste dei No vax».

Si è detto «pronto a collaborare con gli inquirenti: risponderò a tutto le domande che mi faranno per fare chiarezza sulla mia posizione». Allo stesso tempo però ci tiene a mettere in chiaro una cosa: «non solo assolutamente un No vax, non ho mai fatto propaganda o attivismo su questi temi. Durante la prima ondata, ho anche contratto il Covid».  (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy