Rimini. Guerrina, Padre Gratien a processo il 4 dicembre prossimo

Rita Celli di Il Resto del Carlino: Giallo di Guerrina, padre Gratien a processo / udienza fissata per il 4 dicembre prossimo

PADRE GRATIEN Alabi sarà processato per l’omicidio di Guerrina Piscaglia. La procura di Arezzo è convinta della colpevolezza del frate congolese, in carcere da fine aprile ad Arezzo. Dopo oltre un anno e mezzo è arrivata la svolta nel giallo sulla scomparsa della mamma 50enne di Ca’ Raffaello, il 1° maggio 2014.

Il prossimo 4 dicembre padre Alabi dovrà presentarsi davanti alla corte d’assise per rispondere dell’omicidio della casalinga. La procura è così convinta della colpevolezza del religioso, da aver chiesto addirittura il rito immediato. La mossa dei pm Marco Dioni e Roberto Rossi, e la scelta del gip Piergiorgio Ponticelli ieri mattina, era quasi scontata dopo l’interrogatorio del 26 agosto scorso. Quando, dopo un anno di silenzio, il frate aveva accettato di parlare e aveva continuato a ribadire di non aver mai fatto sesso con Guerrina, di non averla nemmeno vista il 1° maggio e di aver parlato solo con un certo «zio Francesco» che sarebbe stato il vero complice nella fuga della donna. Proprio questo fantomatico personaggio è il punto debole nella difesa del frate congolese: non si trova e nessuno lo ha mai visto. Per la procura Gratien se l’è inventato.
Lo scenario d’accusa è tutt’altro. Alabi avrebbe ucciso Guerrina tra le 13.47 e le 14.35 del 1° maggio 2014, a lato della statale Marecchiese che porta a Rimini. Poi si sarebbe impadronito del suo telefonino, del quale si sarebbe servito per depistare le indagini inviando sms alla suocera, a un’amica e, per errore, a un prete nigeriano che solo Gratien conosceva. Questo sarebbe l’indizio che chiude il cerchio.
(…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy