Rimini Holding, approvate linee di bilancio dalla V Commissione

Sarà tra il 15 e il 30% la riduzione dell’attuale compenso degli amministratori della holding e delle cinque società controllate dalla stessa come “Amir s.p.a.”, “Anthea s.r.l.”, “C.A.A.R. s.p.a. consortile”, “Rimini Reservation s.r.l.” e “Servizi Città s.p.a.”.

E’ solo una delle scelte fatte dalla V Commissione Consiliare “Bilancio, Finanze, Economia e Servizi al Cittadino” riunitasi ieri mattina per l’esame della proposta di Bilancio di previsione 2012-2014 di “Rimini Holding spa“.

Una misura che partirà dal 1° gennaio 2012, alla luce delle esigenze di economicità degli organi, delle effettive complessità organizzative e delle conseguenti responsabilità, e, non da ultimo, della natura “pubblica” dell’incarico conferito da intendersi anche quale “servizio alla collettività” che porterà ad un risparmio di circa 70.000 euro.

A questa, nelle linee guida del Bilancio di previsione 2012-2014 di “Rimini Holding spa.” si aggiungono altre azioni, come la sostituzione dei consigli di amministrazione di alcune (“Amir s.p.a.”, “Anthea s.r.l.”) delle suddette cinque società controllate con la figura dell’amministratore unico a partire dal prossimo rinnovo.

Tra le misure previste dalla delibera inoltre: l’allineamento dell’importo unitario dei gettoni di presenza dei consiglieri di amministrazione delle cinque società controllate all’importo di 150 euro per seduta a decorrere dal 1° gennaio 2012, e il riequilibrio, nell’arco di un triennio, dei conti delle società controllate.

Il bilancio di previsione 2012-2014 di Rimini Holding s.p.a., una volta approvato dal socio unico Comune di Rimini, sarà approvato dall’assemblea dei soci della società, convocata per il 23 dicembre 2011, che conseguentemente autorizzerà l’amministratore unico della stessa al compimento delle operazioni previste.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy