Rimini. I carabinieri catturano due predoni della notte. Corriere Romagna

Corriere Romagna: Retata in spiaggia: oltre agli arresti in flagranza denunciate altre otto persone sorprese con oggetti rubati. Minorenne spaccia sul lungomare / Catturati due predoni della notte / Vengono dal mare e cosparsi di sabbia strisciano per derubare le coppiette

RIMINI. Due cittadini
nordafricani (un marocchino
e un tunisino di 23 e
21 anni) sono stati arrestati
dai carabinieri di Rimini
l’altra notte in
spiaggia, nella zona dello
stabilimento balneare 104
di Miramare. La coppia di
ladri è stata colta in flagranza
dopo aver rubato
lo zaino a una turista catanese
che era insieme a
un amico. I militari avevano
predisposto un servizio
per contrastare il fenomeno
dei reati predatori
in spiaggia. Una piaga
dilagante che sta impegnando
le forze dell’ordine
senza sosta. La scelta
di adottare nuove tecniche
è diventata una necessità.
I predoni dei lettini
hanno ormai affinato
le tecniche, tanto da muoversi
con estrema destrezza
per raggiungere
gli obiettivi.

Arrivano intorno
alla mezzanotte e si
buttano in mare. Una volta
bagnati tornano sull’arenile
e si cospargono completamente di sabbia
per poi strisciare con
quello che in gergo militare
viene definito “passo
del leopardo”, a pancia in
giù e trascinandosi silenziosamente
con le braccia
nel tentativo di cogliere
le vittime alla sprovvista.
I carabinieri hanno messo
in campo ventidue uomini,
suddivisi in squadre,
un gruppo in abiti civili.
Un piccolo esercito
passato all’azione: oltre
ai due nordafricani colti
con le mani nel sacco e arrestati
(uno di loro deve
rispondere di falsa attestazione
sull’identità personale,
poiché allo scopo
di rimanere impunito ha
fornito agli operanti generalità
false), altre otto
persone sono state denunciate
a piede libero
per furto, ricettazione,
detenzione e spaccio di
sostanze stupefacenti.
(…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy