Rimini: Il complice di Lolli finisce agli arresti domiciliari

(da “Il Corriere di Romagna”) Giulio Lolli, prima dell’arresto, era in compagnia di una donna austriaca molto affascinante nella lussuosa suite dell’hotel a Tripoli.

Man mano che passano i giorni, vengono svelati i retroscena della latitanza dell’ex presidente della Rimini Yacht.

Nel frattempo l’autorità libica ha posto i sigilli sullo yacht, ancora ancora al porto di Tripoli.

Intanto è stato convalidato l’arresto al complice dell’ex imprenditore bolognese ovvero Elenio Arcifa, accusato di aver riciclato parte dei guadagni illeciti di Lolli e di averlo aiutato economicamente durante la fuga.

Inoltre l’imprenditore siciliano, dopo essere stato ascoltato dal giudice nel carcere di Civitavecchia, è finito agli arresti domiciliari nella sua casa di Scordia.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy