Rimini. Lo studente con la pistola in classe starà a casa 10 giorni per “riflettere”

Il 17enne si è subito giustificato dicendo che il suo voleva essere solamente uno scherzo

ENRICO CHIAVEGATTI. «Sono stati presi immediatamente dei provvedimenti. Per una decina di giorni resterà a casa a riflettere su quel che ha fatto e mettere ordine nella sua vita. Ovviamente non lo farà da solo questo percorso, verrà accompagnato dalla scuola. Già oggi (ieri ndr) l’abbiamo chiamato e fatto i compiti assieme ad alcuni compagni». La professoressa Franca Bernardi, dirigente scolastica dell’istituto Alberti non vuole usare la parola sospensione per lo studente 17enne della sede distaccata dell’istituto ospitata nel complesso del Belluzzi alla Colonnella «che per fare uno scherzo», mercoledì all’ultima ora di lezione, ha puntato una pistola giocattolo contro la professoressa in quel momento dietro la cattedra». (…)

Tratto dal Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy