Rimini. Lungomare, rush finale: Gnassi scrive a Letta. Corriere Romagna

Corriere Romagna: Lungomare: Lettera al premier per il rush finale /
Obiettivo: concludere le trattative e fare partire i bandi per la riqualificazione entro l’anno /
Gnassi scrive a Letta: «Non fateci ripartire da zero». Incontro mercoledì con il direttore del Demanio

RIMINI. Lettera inviata al premier Enrico Letta, incontro tra due giorni con il direttore del Demanio e bando per i lavori di riqualificazione entro la fine dell’anno. Sono numerose le novità legate alla delicata partita sul lungomare, che sembra ormai arrivata ai tempi supplementari. La posta in palio è molto alta: il Comune rivendica ormai da 10 anni la possibilità di entrare in possesso di quel pezzo di città ma da Roma nicchiano, evitando di concretizzare le trattative in corso. Tanto che da Rimini era stata proposta anche la permuta con i 18mila metri quadri terreni dove sorgono le caserme dei carabinieri in via Morri e in via Dalla Chiesa, concessi in uso dal Comune allo Stato alla fine degli anni Ottanta. Niente da fare. Ecco perché gli ultimi sviluppi vedono in questi giorni una stretta da parte dell’amministrazione che, se non dovesse portare a buon fine l’incessante lavoro svolto, arriverebbe a una clamorosa beffa. La permuta sembra però essere a un passo. Ma c’è un rischio che incombe. Il sindaco ha deciso di non fare cadere nel vuoto le richieste a voce fatte al premier Letta durante il Meeting di agosto e gli ha inviato una lettera. Nei contenuti, Gnassi ha segnalato un problema: «Il decreto del Fare convertito in legge prevede all’articolo 56 bis che dal 1° settembre al 30 novembre i Comuni possano fare richiesta di acquisire gratuitamente la proprietà dei beni disponibili dello Stato». (…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy