Rimini. Marco Travaglio questa sera a Mobycult con il suo ultimo libro

(foto di repertorio)

Marco Travaglio questa sera a Mobycult con il suo ultimo libro, ‘Slurp’– Lecchini, cortigiani e penne alla bava al servizio dei potenti che ci hanno rovinati” (Ed. Chiarelettere).

Inizia con le “cannonate” di Marco Travaglio l’ultima settimana di MobyCult, la rassegna di incontri con i libri e gli autori che quest’anno ha toccato il traguardo delle venticinque edizioni. Lunedì 24 agosto, infatti, il direttore de Il Fatto Quotidiano sarà ospite del salotto letterario a Castel Sismondo, a Rimini, a partire dalle ore 21,30, per parlare del suo ultimo libro, “Slurp – Lecchini, cortigiani e penne alla bava al servizio dei potenti che ci hanno rovinati” (Ed. Chiarelettere). Un titolo e un sottotitolo espliciti al punto giusto per capire verso chi questa volta rivolga la propria penna puntuta Marco Travaglio: la “casta” dei giornalisti e opinionisti di varia natura divisa nel libro in “Lecca-politici”, “Lecca-padroni”, con un capitolo finale dedicato agli “Oscar Leccatori”.

Del libro già si annuncia un prequel, come “nella saga di Guerre – anzi di Lingue – stellari” dedicato alla “storia delle lingue italiane dagli anni del fascismo a quelli della Prima Repubblica”, mentre in “Slurp” l’attenzione è tutta rivolta alla Seconda Repubblica. Dall’ “Era” Berlusconi, a Prodi, Dini, Monti, fino ad arrivare all’Era Renzista, il campionario di quello che l’autore definisce il “leccaculismo” nostrano è vario. E la penna di Travaglio colpisce a destra, a sinistra, al centro, smascherando “un esercito di adulatori in servizio permanente effettivo”. Leggi il comunicato mobycult



 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy