Rimini. Renzi: ‘Funelli deve dimettersi, non ha la laurea’, Gnassi lo difende: ‘risparmiati 230mila euro’. Corriere Romagna

Corriere Romagna: Capo di gabinetto del sindaco Andrea Gnassi sulla graticola, la Procura della Corte dei conti ha stabilito l’irregolarità della sua posizione /
«Funelli, risparmiati 230mila euro»
/ Il sindaco Gnassi in campo: siamo tranquilli. Renzi: ora si dimetta in fretta

RIMINI. E’ inutile dibattere e dimenarsi, per quel tipo di carica la laurea serve, Sergio Funelli farebbe bene a dimettersi. Dopo i rilievi della Procura della Corte dei conti, Gioenzo Renzi torna alla carica e indica al Comune la via più breve da seguire: secondo lui. Il sindaco Andrea Gnassi invece si dimostra tranquillo: nessuno spreco, abbiamo risparmiato 230mila euro. (…) «E’ dura avere sempre ragione» attacca subito Renzi che con la Corte dei conti ha un binario aperto. «Io seguo tutto l’iter amministrativo – spiega – ma quando i dubbi mi restano, non essendoci più il Comitato regionale di controllo, non mi resta che l’esposto. E alla luce di quanto sancito dalla Procura della Corte ho fatto bene: per quel tipo di contratto serve la laurea e Funelli ha solo il diploma. C’è poco da fare». A questo punto Renzi, suggerisce all’amministrazione una via più veloce. «Esiste un caso analogo a Bologna, dove il capo di gabinetto Lombardelli si è dimesso, senza bisogno di andare alla Corte dei conti. Funelli faccia lo stesso, perchè dobbiamo impegnare giudici, avvocati, esperti. A Bologna l’hanno schiantata subito, tanto le norme nazionali sono chiare: per quel tipo di contratto serve la laurea. Gnassi poteva benissimo affidare il ruolo a un dirigente comunale, com’era prima, non c’era assolutamente bisogno di chiamare il compagno di partito come persona di fiducia».


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy