Rimini. Schiamazzi d’amore

Andrea Rossini di Corriere Romagna Rimini: Coppia alla sbarra per disturbo della quiete /
Troppo rumore durante il sesso: a processo /
La vicina costretta a tranquillizzare il figlio turbato dalle urla e dagli strani rumori. Querelati per gli schiamazzi la padrona di casa e l’amico che però è sposato con un’altra

RIMINI. Mugolii, urla, l’urto ritmico
del letto addosso al muro e il
cigolìo delle molle del materasso.
La passione alle stelle durante il
sesso, va bene, ma se i rumori arrivano
anche al piano di sopra
può nascere anche qualche grattacapo.
La coppia di amanti focosi,
peraltro neppure “r eg ol are”,
si ritrova infatti a processo
dopo la denuncia della vicina stufa
delle effusioni moleste, ma anche
di tutta una serie di atteggiamenti
poco rispettosi della quiete
attribuiti, secondo la querela, alla
proprietaria dell’appartamento
e al suo amico. Dall’abbaiare
dei cani alla televisione ad alto
volume, fino all’insistente tacchettìo
di zoccoli e scarpe da donna:
la denuncia è una “summa”
dei comportamenti fastidiosi che
un condomino può mettere in atto
se intende esasperare un vicino.
In questo caso la parte offesa è
una signora che si è ritrovata con
il problema di dover spiegare a
proprio figlio, un bambino in età
scolare, che non doveva aver
paura di quello che accadeva al
piano di sotto. Impresa ardua, visto
che lui sentiva colpi ripetuti e
grida: capirà più avanti. In realtà
c’è poco da scherzare: il piccolo
ha accusato dei disturbi del sonno
ed è stato necessario l’intervento
di uno specialista per attenuare
il turbamento mostrato
dal bambino, in seguito all’ascolto
degli strani suoni.
(…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy