Rimini. Trasporto Rapido Costiero. Gli enti diffidano Matteoli e Tremonti

Stanchi di aspettare, Regione, Provincia
e Comune di Rimini, assieme ai municipi di Cattolica e Misano
Adriatico hanno sottoscritto questa mattina un atto formale di
diffida ad adempiere ai ministeri delle Infrastrutture e Finanze
per ottenere il finanziamento da 42,853 milioni di euro per il
Trc, deliberato dal Cipe nell’ormai lontano 2006. Dopo le
pazienti attese e le lettere di ‘cortesia’, gli enti locali
passano dunque alle vie di fatto.

All’incontro di questa mattina del Comitato di coordinamento
Trasporto rapido costiero hanno partecipato il presidente della
Provincia Stefano Vitali, il sindaco di Rimini Alberto Ravaioli,
quello di Riccione Massimo Pironi, il primo cittadino di Misano
Adriatico Stefano Giannini, l’assessore alle Attivita’ economiche
del Comune di Cattolica Alessandro Arduini e l’assessore
provinciale alla Mobilita’ Vincenzo Mirra. In rappresentanza
della Regione Emilia-Romagna c’era l’assessore alla Mobilita’,
logistica e trasporti Alfredo Peri.

Esaminato lo stato di avanzamento del progetto del Trc,
l’assemblea ha cosi’ optato per le maniere forti, con la diffida
per ottenere finalmente lo stanziamento. Oltre tutto, dopo la
delibera del Cipe, anche note ufficiali della presidenza del
Consiglio dei ministri e del ministero delle Infrastrutture,
nella scorsa primavera, avevano confermato l’entita’ del
finanziamento. Ma i soldi non sono mai arrivati.

“La diffida e’ stato un atto condiviso e che mi sembra normale
a questo punto- commenta l’assessore Peri- visto che ormai non ci
sono ulteriori adempimenti da compiere” da parte degli enti
locali.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy