Rimini. Tratta di clandestini: albergatore riminese in manette. Corriere Romagna

Enrico Chiavegatti – Corriere Romagna: Tratta di clandestini, albergatore in manette /
L’imprenditore è il gestore dell’hotel di Miramare che ha fatto scattare l’indagine di procura e Polaria /
Con lui sono finiti dietro le sbarre il suo braccio destro e quattro scafisti di terra

RIMINI. La Riviera come punto di snodo del traffico di clandestini, di disperati in fuga dalla miseria e dal dramma della guerra. La conferma del “sospetto” che ha portato procura della Repubblica e polizia di frontiera del Fellini ad aprire un’indagine dopo l’arresto in Svezia, a metà settembre, di tre autisti della ditta Bianchini ignari, come il loro titolare, d’aver fatto attraversare l’Europa a 45 clandestini siriani ospiti di un albergo di viale Regina Elena, è arrivata in tutto il suo fragore lunedì sera. Alle 20, infatti, un doppio blitz coordinato dal pubblico ministero Davide Ercolani e dal dottor Amilcare Genovese, dirigente della Polaria dell’aeroporto di Rimini, ha fatto finire in cella sette persone cui viene contestata la violazione della legge Bossi-Fini con riferimento al reato di immigrazione clandestina per l’ipotesi che contempla condanne fino a 15 anni di carcere. A Chianciano sono stati ammanettati in esecuzione di altrettanti fermi di polizia giudiziaria, il 52enne gestore dell’hotel e di una pizzeria a Rimini, di origini siriane ma con cittadinanza italiana e un siriano di 47
anni residente in Italia.
(…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy