Riunione di coordinamento, giovedì 6 maggio

Riunione di coordinamento, giovedì 6 maggio

COMUNICATO STAMPA

Giovedì 6 maggio 2010 si è svolta una riunione del Gruppo di Coordinamento del Movimento dei Democratici di Centro (DdC).
Nella riunione il Coordinamento ha esaminato l’esito dei lavori dell’ultima sessione consiliare duranti i quali i tre punti rilevanti all’ordine del giorno sono stati: il dibattito sul rapporto italo sammarinese, le dimissioni del Segretario di Stato per le Finanze l’approvazione della legge sull’alienazione dei terreni dello Stato. Il Coordinamento ha espresso apprezzamento per le intese raggiunte con l’approvazione di un ordine del giorno all’unanimità del Consiglio Grande e Generale sul tema dei rapporti italo sammarinesi. Le attuali criticità e attriti nei rapporti italo sammarinesi a tutt’oggi fanno permanere la Repubblica di San Marino nella black list, sono un elemento di forte preoccupazione per i Democratici di Centro. “Le ripercussioni che questo stato di incertezza potrà avere sul sistema economico sono notevoli – afferma Marco Podeschi Coordinatore DdC – e in questo il governo è stato fino ad oggi molto latitante. Le imprese hanno necessità di un contesto certo nel quale operare e fino ad oggi le dichiarazioni di alcuni esponenti del governo anziché rassicurare hanno creato solo scompiglio e ulteriore incertezza”. Alto punto esaminato dal Coordinamento dei DdC sono state le dimissioni di Gabriele Gatti dall’incarico di Segretario di Stato per le Finanze. I DdC prendono atto che un percorso interno alla maggioranza si è concluso con l’uscita di scena di Gatti, elemento rilevante in una maggioranza in forte difficoltà politica, con il PDCS che ha messo a presidio della Segreteria di Stato per le Finanze il proprio Segretario Politico. I Democratici di Centro manifestano forte preoccupazione sulle condizioni del bilancio dello Stato, anche in considerazioni degli eventi che potrebbero ragionevolmente accadere nei prossimi mesi, con una caduta verticale del gettito proveniente dalle imposte dirette e dalle forti tensioni nel settore finanziario, pesantemente attaccato dallo scudo fiscale appena terminato ora nuovamente in forte fibrillazione per la richiesta italiana di scambio di informazioni automatico anche nel settore finanziario. Altro punto rilevante sul quale si è sviluppato il dibattito è la legge approvata dalla maggioranza per l’alienazione dei terreni dello Stato. I DdC esprimono ferma contrarietà rispetto alla legge dato che la gestione delle proprietà dello Stato sarà – d’ora in poi – di stretta pertinenza della sola maggioranza, perché l’opposizione non avrà alcun diritto di partecipare alla decisione di vendere o no alcuni pezzi di territorio che è un patrimonio di tutti. Il Coordinamento ha invitato quindi i responsabili del Movimento ad attivarsi – attraverso la ricerca di forme di coinvolgimento diretto della cittadinanza – al fine di sventare questa forzatura adottata dalla maggioranza. I DdC esprimono infine soddisfazione per il brillante risultato ottenuto nel corso delle recenti elezioni politiche inglesi da parte della formazione dei liberaldemocratici guidati da Nick Clegg che, sia pure limitata da un sistema elettorale a forte vocazione bipartitica, ha conseguito un peso per nulla irrilevante per i futuri scenari politici d’oltremanica.

Democratici di Centro
San Marino, 7 Maggio 2010

via Cà Franceschino n. 3 – 47893 Borgo Maggiore – Repubblica di San Marino – COE SM 21343

Tel. 0549 909884 Fax. 0549 972855 per comunicazioni urgenti: 335 7330571

web site: www.democraticidicentro.sm

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy