San Marino a Pesaro, Febal e Rossana. IlSole24Ore

Giuseppe Oddo di IlSole24Ore: I distretti vent’anni dopo. Come cambiano i poli del made in Italy / Le cucine di Pesaro alla sfida dei mercati / Doppio banco di prova per i prossimi anni: internazionalizzazione e passaggio generazionale

Doppio banco di prova per i prossimi anni: internazionalizzazione e passaggio
generazionale Il cuore dell’industria italiana del mobile da cucina, che ha
trasformato un manufatto strumentale in un pezzo d’arredamento, batte nei pochi
chilometri che separano Pesaro da Montelabbate. È qui che sono insediate le
varie Scavolini, Berloni, Febal.
(…)

nel 2009, è arrivata la recessione ed è cambiato tutto.

Le aziende esportatrici, finaziariamente solide e con una struttura di costi
leggera hanno, chi più chi meno, incassato il colpo. Le aziende indebitate,
appesantite dai costi e poco presenti all’estero sono entrate in sofferenza.
Febal e Berloni hanno pagato il prezzo più alto della crisi.

La prima è stata acquistata, proprio nel 2009, da una società di San Marino.
Armando Ferri, il fondatore della Febal, ne ha ceduto il ramo d’impresa e i
debiti di funzionamento alla famiglia Colombini, 180 milioni di fatturato
aggregato nel 2011. Spiega Emanuel Colombini, 34 anni, amministratore delegato
di un gruppo che conta ormai 900 dipendenti: «Abbiamo trasferito nello
stabilimento di Pesaro tecnologie e fasi di lavorazione come la verniciatura in
precedenza affidate a terzi. I marchi Febal e Rossana, con cui abbiamo
accresciuto il nostro export e su cui abbiamo investito in ricerca,
comunicazione e rinnovamento dei punti vendita, hanno chiuso lo scorso anno con
20 milioni di ricavi»
.

Leggi l’intero articolo di Giuseppe Oddo, IlSole24Ore

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy