San Marino. AIDS e preservativo: forse sarebbe bene che si aprisse un dibattito serio. Don Mangiarotti

Aids, riflessioni di don Gabriele Mangiarotti su un problema, l’aids, che non può essere risolta solo insegnando a usare il condom.

Ho ascoltato la trasmissione-pubblicità del preservativo alla TV di San Marino, come soluzione al problema e ho letto l’articolo su “La Tribuna” «AIDS: nei licei si insegni l’uso del condom». Francamente mi pare che la questione sia molto più ampia e più seria. Ed è ora di accorgersi che i nostri giovani non hanno bisogno di preservativi, ma di educazione, di compagnia di adulti che mostrino il valore dell’amore e del rispetto, della apertura alla vita e del valore della castità, intesa come «la raggiunta integrazione della sessualità nella persona e conseguentemente l’unità interiore dell’uomo nel suo essere corporeo e spirituale. La sessualità, nella quale si manifesta l’appartenenza dell’uomo al mondo materiale e biologico, diventa personale e veramente umana allorché è integrata nella relazione da persona a persona, nel dono reciproco, totale e illimitato nel tempo, dell’uomo e della donna.
La virtù della castità, quindi, comporta l’integrità della persona e l’integralità del dono.»
(…)

La vita dei nostri giovani non può essere solo questione di preservativi e di tecniche antiriproduttive, essi meritano molto di più. E San Marino, anche guardandom la propria storia di «antica terra della libertà» può insegnare molte più cose. E l’attenzione alla disabilità, che ci ha posto alla attenzione del mondo intero, può essere un buon segnale e indicare una pista di lavoro.

Leggi il comunicato

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy